Il tuo browser è obsoleto!

Aggiorna il tuo browser per visualizzare correttamente questo sito web. Aggiorna il mio browser ora

×

Articoli nella tua cartella download

La cartella download è vuota
articolo(i) nella cartella download

!

Il nostro contributo alla qualità dell'aria negli ambienti

Gli esseri umani passano circa il 90% della loro vita all'interno di stanze chiuse, quindi un buon comfort ambiente è importante. La qualità dell'aria, in particolare, ha un enorme impatto sulla nostra salute e sul nostro benessere. I rivestimenti a tenuta d'aria degli edifici possono essere superiori in termini energetici, ma impediscono il naturale scambio d'aria. Tuttavia, gli edifici possono essere completamente automatizzati utilizzando sistemi di ventilazione e sensori appropriati.

Un buon comfort dell'ambiente è essenziale

Le persone possono sopravvivere circa trenta giorni senza cibo, fino a quattro giorni senza acqua, ma solo pochi minuti senza aria. Il componente più importante dell'aria, cioè l'ossigeno, è necessario per bruciare i nutrienti. Il cervello è particolarmente sensibile alla mancanza di ossigeno. Nelle stanze senza ventilazione, la concentrazione di CO2 aumenta, le performance calano rapidamente, non siamo in grado di concentrarci, ci sentiamo stanchi, soffriamo di mal di testa e molto altro ancora. Ma non sono solo l'ossigeno e il contenuto di CO2 dell'aria a indicare un buon comfort dell'ambiente. Anche l'umidità (idealmente il 40-60%), la temperatura, la temperatura differenziale, gli ioni, la qualità e la velocità dell'aria sono importanti per un ambiente sano.

Ci sono pochissime specifiche che regolano le aree interne

Mentre ci sono requisiti di legge per l'aria esterna, e la loro conformità è monitorata con attenzione, ci sono pochi valori limite vincolanti per l'aria interna. L'OMS e l'Associazione per la salute dei polmoni svizzera ritengono che nel 2020 la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) sarà una delle cause di morte più comuni a livello mondiale. Pertanto, l'aria interna deve essere "pulita" se non si vuole mettere a repentaglio la nostra salute e il nostro benessere. Questo obiettivo si può ottenere con un buon sistema di ventilazione. Le soluzioni Belimo per il settore del riscaldamento, della ventilazione e del condizionamento dell'aria stanno dando un contributo fondamentale in tal senso. Belimo fornisce un'intera gamma di sensori per la misurazione dei fattori più importanti che influenzano il comfort dell'ambiente, come la qualità dell'aria, la temperatura, l'umidità dell'aria e la portata. La nostra tecnologia VAV e le nostre valvole di regolazione indipendenti dalla pressione garantiscono una portata d'aria e d'acqua perfettamente bilanciata in ogni momento, con il risultato di un comfort ottimale.

Una buona qualità dell'aria per una migliore performance

L'aria intorno a noi contiene il 21% di ossigeno, il 78% di azoto, lo 0,04% di anidride carbonica (CO2), oltre a tracce di gas nobili, vapore acqueo e sostanze inquinanti. Oggi, uno dei più importanti indicatori della qualità dell'aria negli ambienti chiusi è il valore di CO2. Poiché gli esseri umani producono CO2 anche attraverso la respirazione e la aggiungono all'aria, la concentrazione di CO2 aumenta continuamente negli ambienti chiusi in cui sono presenti persone. Un rivestimento edilizio a tenuta d'aria implica una diminuzione del tasso di ricambio dell'aria, con conseguente aumento della concentrazione di sostanze nocive nell'aria interna. Questo problema può essere contrastato con la regolare ventilazione degli ambienti o, se ciò non è possibile, con l'installazione di un sistema di ventilazione che si occupi di questo compito. Un sistema di ventilazione che rimuove in modo affidabile gli inquinanti, migliora nel lungo termine la qualità dell'aria degli ambienti in cui sono presenti persone. Se tali ambienti sono dotati di sensori che forniscono dati al sistema di gestione in maniera permanente, l'impianto funzionerà in modo affidabile e indipendente.

Misurazioni della qualità dell'aria in oltre 250 aule scolastiche

Attualmente, più del 30% dei bambini in Europa soffre di malattie allergiche, come asma, raffreddore da fieno o neurodermite. Non si può escludere un legame con l'inquinamento ambientale. Dopotutto, soprattutto negli ambienti chiusi, le sostanze inquinanti possono accumularsi ed entrare nel corpo attraverso l'aria inalata. Oltre alle malattie croniche, l'"aria cattiva" ha anche ulteriori implicazioni per il nostro benessere. Per scoprire come la qualità dell'aria influisce su alunni e insegnanti, la piattaforma MeineRaumluft.ch ha collaborato con l'Associazione degli insegnanti di Zurigo (Züricher Lehrerverband) e l'Organizzazione per la salute dei polmoni di Zurigo (Organisation Lunge Zürich) per l'installazione di dispositivi di misurazione in oltre 250 aule, in funzione dal novembre 2016. Un effetto positivo è stato che la semplice installazione dei dispositivi di misurazione ha influito sulle abitudini di insegnanti e alunni rispetto alla ventilazione, perché non appena la concentrazione di CO2 nell'aula diventava troppo alta, venivano aperte le finestre per far entrare l'aria.

Nonostante questo, la figura 1 dell'immagine sottostante mostra che i livelli di CO2 sono risultati eccessivamente elevati. In oltre il 13% delle misurazioni effettuate alla fine della lezione, il livello di CO2 era superiore a 2000 ppm, il valore limite per le concentrazioni di CO2 negli ambienti occupati secondo la norma SIA 180. La figura 2 mostra che l'umidità relativa era inferiore al 30% in un quarto delle misurazioni. Ciò può comportare complicazioni per la salute, come l'essiccazione delle mucose delle vie aeree. Polvere, sporcizia e germi non vengono quindi rimossi dalle vie respiratorie abbastanza rapidamente. Se questi permangono per molto tempo nelle vie respiratorie, il rischio di malattie aumenta. Le conseguenze tipiche sono tosse, bronchite, raffreddore e infezioni dei seni nasali. L'unica buona notizia è che dalla Figura 3 si può notare che, con poche eccezioni, la temperatura in gradi Celsius era in un range accettabile.
 

Ottenere una buona qualità dell'aria con i componenti HVAC intelligenti

Esistono linee guida standardizzate per la composizione dell'aria interna. In larga misura, queste corrispondono al fattore benessere. La HVAC building automation è la chiave per il loro mantenimento. Il locale dell'impianto di ventilazione è collegato in rete con controllori e sensori. I valori dell'aria negli ambienti possono essere ottimizzati automaticamente se i componenti dotati di sensori comunicano informazioni affidabili al sistema di gestione per controllare i ventilatori e regolare la temperatura, il contenuto di CO2 e l'umidità dell'aria. La building management technology confronta automaticamente le informazioni in arrivo sullo stato effettivo e nominale dell'ambiente e dà agli attuatori il corrispondente comando di apertura o chiusura o di spostamento in una posizione intermedia. Ciò consente di inviare la portata di aria desiderata a una temperatura confortevole, con il livello ideale di umidità e un ricco contenuto di ossigeno.

Sensori Belimo – Le fondamenta del comfort

I sensori HVAC Belimo offrono un'affidabilità superiore, una facile installazione e una perfetta integrazione con i principali sistemi di building automation. L'innovativo design consente un'installazione rapida e senza attrezzi, un facile commissioning e fornisce una protezione NEMA 4X/IP65. La gamma prodotti comprende sensori accurati per la misurazione di temperatura, umidità, pressione, CO2, composti volatili (COV) e portata in tubazioni e canali.

Visitate il sito web locale per maggiori informazioni: